annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Ma c'è ancora qualcuno soddisfatto di ING?

Gabriele

Gabriele

Guru

Nel porgere sentiti auguri di buon 2016 a tutti gli utenti, visto il tenore dei commenti letti in questo forum, la domanda in oggetto sorge spontanea. Non voglio dilungarmi eccessivamente sull'esperienza personale che mi vede loro cliente (sempre meno entusiasta e con sempre meno rapporti intrattenuti con loro) dal maggio 2001, ma l'iperbole negativa del combinato offerta-attenzione per il cliente è innegabile, e ne reputo una prova proprio questo forum, ove pare che ING desideri che i clienti si risolvano i problemi da soli in una sorta di gruppo d'ascolto. Fortunatamente con loro ho solo un CC in funzione Carta di Credito, quindi lascio loro pochi spiccioli di giacenza media col classico bonifico prima della scadenza della fattura. E, vi ricordo, l'offerta altrui è varia e spesso migliore, a cominciare dai Depositi. Ancora auguri.

29 RISPOSTE 29
Gek-Arancio

Gek-Arancio

Esperto

Concordo con il tuo pensiero. Io sono cliente da 12 anni e anch'io ho notato il declino. Un esempio su tutti: il conto deposito arancio è da tempo che non è più competitivo, sul mercato ci sono prodotti migliori e più vantaggiosi e se hai problemi o dubbi il servizio clienti pronto a rispondere con risposte formali e certe.....qui invece è come dici tu un gruppo d'ascolto fra clienti!

Charlie

Charlie

Apprendista

Io quest'anno ho finito il mutuo ma sono rimasto sorpreso negativamente dalla diminuzione della disponibilità di ING alle mie richieste di estinzioni parziali anticipate. Le prime volte bastava una telefonata e ti mandavano a casa un modulo con busta preaffrancata, invece le ultime volte è stato sempre più difficile fino all'ultima quando dopo aver scritto una raccomandata in cui esprimevo una precisa volontà, la cosa non procedeva e quando li ho chiamati mi hanno risposto che aspettavano la mia telefonata (??!!). Avevo già scritto e firmato.

 

Spero che ING (e tutte le banche) capiscano che i clienti sono la cosa più preziosa che hanno.

DanieleCavour

DanieleCavour

Apprendista

Ing è una banca olandese, quindi seria.

Se vuoi mettere i tuoi soldi in una banca italiana, accomodati, e ascolta pure il pifferaio magico di Roma che dice che il sistema bancario italiano è solido.

Ma non vedi che i paesi seri, tipo la Germania, non vogliono avere niente a che fare con il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi italiano ?

E non sai che Ing è uscita pochissimi anni fa proprio dal Fondo di Tutela dei Depositi Italiano ? (tanto è vero che noi clienti Ing siamo coperti dal fondo olandese...) E non ti chiedi perchè ?

Se davvero il sistema bancario italiano fosse solido, allora perchè il pifferaio di Roma si vede costretto a ripeterlo ?

La verità è che dal 1° gennaio c'è il Bail In, e il Fondo di Tutela dei Depositi Italiano, che è stato usato in tutti questi anni dai politici italiani per salvare le banche "amiche", è insufficiente.

Il Fondo di Tutela dei Depositi Italiano non è assolutamente in grado di tutelare i correntisti (sotto i 100.000 euro) delle banche italiane di medio-grosse dimensioni.

In caso cioè di crisi sistemica italiana, l'intero sistema bancario italiano collassa, in quanto il Fondo di Tutela dei Depositi Italiano è largamente insufficiente, e lo sa la BCE, lo sanno i politici a Bruxelles, quelli a Berlino, quelli in Olanda, e lo sa perfettamente anche il pifferaio.

Rimani con Ing, e se hai conti con banche italiane chiudili.

 

Gabriele

Gabriele

Guru

Caro @DanieleCavour, tutto quello che scrivi è già di mia conoscenza, sia per motivi lavorativi e politici che per circostanze personali. Il Pifferaio (io lo chiamo Pinocchietto) è uno spot vivente e spaccia per nuovo il vecchio manco fosse un meschino venditore di auto usate. Non mi pare di aver decantato le Banche italiane né disprezzato ING a 360° ed il tono della tua risposta mi sembra, per questo, decisamente spropositato. Ripeto la mia trafila: cliente dal maggio 2001 di Conto Arancio, beneficiai (in Lire) di interessi lordi fino al 7,3%, oltre a periodiche promozioni riservate ai "clienti storici" che mi permisero di annullare in 4 anni un mutuo da 120 milioni. Ebbi con loro (quando avevano contatti ben più "Direct" di adesso) un profluvio di corrispondenza per lamentarmi di quello che era l'inizio della fase discendente (dei tassi) accomunato da un lento ma costante proliferare di prodotti ed offerte (da Arancio+ al Trading, dal Deposito Arancio al Mutuo ed all'Assicurazione Vita) volti a coinvolgere sempre più i Clienti, sviandoli dall'interessantissima offerta iniziale. Poi, nel 2009, mi vidi rifiutare un (altro) mutuo di soli 100.000 euro (per inciso, già preautorizzato ed a 10 giorni dal rogito) a fronte di una liquidità (con ING) di quasi altrettanto ed un lavoro ministeriale dal 1993, SOLO, perché, per "politiche della Banca" ero monoreddito (circa € 2.500 netti mensili). In più la doppia beffa di sentirmi dire dal sardo agente di Villacidro di rivolgermi ad una Banca tradizionale "che con i miei requisiti non mi avrebbe fatto problemi" e di veder concesso un mutuo per importi simili ad una coppia di conoscenti, entrambi operai presso la stessa azienda privata (e traballante) e con reddito complessivo minore del mio, ma bi-reddito... Il Cliente non può impugnare le politiche aziendali, sempre che abbiano cristallina equità e buonafede, quindi io ed i miei soldi salutammo ING e, in meno di una settimana lavorativa trovai mutuo e Conto Deposito con offerte anche migliori di ING. Per la cronaca, il Deposito in questione è amministrato dal Mediocredito del FVG, Istituto con rating in stile Emirati, e che si fa ancora carico dell'odiosa Imposta di Bollo (visto che in questo lasso temporale mi ha amministrato in totale circa un miliardo di vecchie Lire, sono un forte debito per loro...). Ora, come già scritto, con ING ho solo il CCA in funzione Carta di Credito, tanto per rimanere cliente e tormentarli con la PEC. NULLA toglie che (per sicurezza e, forse, fiscalità) il fondo interbancario olandese sia più affidabile di quello italiano, giusta la tua osservazione sulla leggerezza con cui la politica nostrana vi ha attinto negli anni, MA ritengo che il Sistema Bancario italiano abbia comunque criteri di maggior sicurezza di altri omologhi europei (Spagna, per dirne uno) per il semplice fatto che non si espone troppo con i clienti: al massimo, li raggira.... IN FINE, lo scopo del mio post era principalmente quello di sottolineare la sempre meno cura del Cliente che ING sta offrendo, col combinato di prodotti non più ai vertici dell'offerta ed ai quali, pare da molti commenti, è pure difficile accedere. Il panorama è vasto e da persona abituata alle ricerche di mercato di certo non mi fossilizzo da nessuna parte. Tu, libero di agire a tua coscenza. Saluti

Gek-Arancio

Gek-Arancio

Esperto

Caro @DanieleCavour qui non si sta disprezzando ING (che rimane ancora un'ottima banca), ma la sempre meno cura del cliente. Solo  chi è tanti anni con loro, può notare questa differenza. Sicuramente non è più una "banca che ti parla". Negli ultimi anni ottenere risposte da ING è sempre più dura!

Gabriele

Gabriele

Guru

@Gek-Arancio Concordo al 100%. saluti

Charlie

Charlie

Apprendista

Io sono ottimista, per anni ING mi ha fatto un servizio ottimo con spese nulle (a parte l'episodio negativo che ho raccontato nel post) e ritengo che questa CommunityArancio servirà a ING per "rimettersi in carreggiata".

 

Buon 2016 a Tutti!

Gabriele

Gabriele

Guru

@Charlie Mi rallegro che gli ottimisti non siano in via d'estinzione... A patto che ING ascolti e che provveda, forse... Ma dal tenore della maggior parte dei commenti sembra che l'outlook di gradimento sia negativo...

hallogram

hallogram

Esperto

Sono cliente sin dall'inizio cioé quando si andava a fare il primo bonifico nella tua Banca tradizionale e loro ti terrorizzavano su dove mettevi i soldi. Nel tempo l'offerta è andata sempre più diminuendo. Il Conto Arancio mi ha deluso quando sono stato costretto a pagare un'imposta di bollo considerevole. Sono rimasto sorpreso perché pensavo che il conto era a zero spese ed invece non era così. Adesso anche l'imposta di bollo sul conto corrente contribuirà ad allontanare altri Clienti. Quello che non è chiaro è cosa succede per chi continuerà ad accreditare lo stipendio o la pensione. Sono ancora esenti? Un pò di chiarezza e qualche idea innovativa in più non guasterebbe. Per il resto nessuno può discutere sulla solidità della Banca ma sarebbe ora che comprendessero che il mercato è cambiato e loro sono un pò troppo statici. Forse quest'idea della Community potrebbe fornire qualche spunto per riprendere il cammino interrotto...