annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Date a Cesare quel che è d Cesare...

topoldo

topoldo

Specialista

Nonostante i disservizi creati dall'uso del token di ING, dopo poco più di un anno dall'introduzione del PSD2, vorrei fare delle considerazioni sulla sua applicazione nelle 3 diverse banche in cui possiedo un CC.

1. ING: per quanto riguarda il sistema di autenticazione il sistema adottato da questa banca IMHO è risultato il migliore (o, cmq il meno peggio). In un anno mi ha "piantato" una sola volta e, in ogni caso, il problema lo ho risolto rapidamente.

Quando attivo una richiesta di autenticazione, almeno "in my hands" la risposta tramite notifica push è rapida, così come la possibilità di entrare "in banca" sia via PC (metodo da me di gran lunga preferito) sia tramite l'app stessa.

2. La seconda banca che utilizzo (molto meno spesso di ING, peraltro) va pure abbastanza bene, ma il sistema presenta un paio di seccature, di cui una non di poco conto. La prima - meno significativa - è che obbliga alla modifica della password ogni 90 gg ed è non solo numerica come quella di ING (e io sono facilitato perché avendo buona memoria imposto una serie di date storiche Smiley Lingua), ma deve anche essere piuttosto complessa ed è impossibile riutilizzarla se non dopo almeno 10 volte o giù di lì. Ottimo forse per la sicurezza, ma noioso. Il problema più grosso però si verifica quanto si cambia cellulare o anche solamente lo si "riformatta".

E' vero che anche questa banca è "di bocca buona" come ING in quanto lascia usare cellulari con sistemi operativi non originali (LineageOS, privo di rooting, però!) ma ad ogni riformattazione richiede di entrare in una trafila infinita di richieste di invio di SMS (a pagamento!) per poter arrivare a "certificare" il cellulare. Poi si riesce finalmente a passare alla notifica push e i problemi spariscono.

3. La terza banca, che è anche uno dei più importanti istituti bancari nazionali ha una app a dir poco allucinante.

In primis perché non consente di usare sistemi operativi alternativi a quello originale. "Per sicurezza" - dicono - peccato che io sia stato costretto per anni a usare LineageOS sul mio cellulare perché il telefonino - ottimo dal punto di vista hardware e tuttora secondo me uno dei migliori del mercato a 4 anni dal lancio - era dotato di una versione di Android a dir poco allucinante: piena di bugs, mi ha costretto mio malgrado a sostituire l'OS originale con LineageOS dopo circa un anno dall'acquisto!

Ergo con questo istituto bancario non ho potuto MAI utilizzare l'app e usufruire delle notifiche push, ma ho sempre dovuto usare gli SMS (che - unico vantaggio - sono ancora fortunatamente gratuiti) per poter accedere via PC.

Un mese fa mia moglie mi ha regalato un nuovo telefonino. A questo punto ho potuto finalmente scaricare l'app e sono riuscito ad attivare le notification push. Peccato che la "goduria" sia durata solo 15 gg!!!

E' arrivato un aggiornamento dell'app che:

a) mi ha impedito di accedere anche via PC al sito della banca (erano infatti ancora attive le notifiche push che non funzionavano e non mi consentivano di riprestinare l'accesso via SMS!)

b) ora, una volta che, finalmente, in qualche modo, sono riuscito a ripristinare l'accesso via SMS, se da menu cerco di riattivare le notifiche push mi dice che non mi è possibile utilizzarle e debbo tenermi gli SMS!!!


Conclusioni: IMHO l'affermazione "l'erba del vicino è sempre la più verde" non solo non è vera ma, alla luce della mia esperienza e parafrasando il Vangelo, dico: "Date a Cesare quello che è di Cesare e date a ING quello che è di ING!"

Tutto questo IMHO, ovviamente!

Topoldo

4 RISPOSTE 4
MIRKOSARA

MIRKOSARA

Guru

Disamina interessante @topoldo .

Buona giornata

Gabriele

Gabriele

Guru

Ciao "omoavatar" @topoldo ed un caro saluto anche @MIRKOSARA

 

Mi dispiace delle tue problematiche eterobancarie e, per l'ennesima volta, mi congratulo con la mia resilienza all'uso del GSM.

Mi spiego: Cliente di 5 Istituti (beh, uno solo per i Libretti dei 4 figli) ed operando "smarphoneless" la mia situazione è:

1) OTP via chiavetta Token, costata Zero euro all'inizio (2012), poi 5 nel 2017 con un dispositivo di maggior durata (non OTP in automatico ogni 60 secondi ma solo su richiesta), che diventeranno 20 alla prossima emissione, ma vista la longevità... non mi preoccupa;

2) OTP via SMS (gratuito);

3) OTP a video da inserire ad un risponditore automatico (n. verde), servizio gratuito.

4) lo salto, in quanto è quello inerente i Libretti;

5) ING, OTP a pagamento.

Tutti i servizi home banking & clienti degli Istituti da 1 a 3 sono pressoché perfetti. Di ING... basta leggere la Community od esserne clienti in regime monogamico.

 

Pertanto, direi che l'erba sia verde a seconda del proprio livello di daltonismo (= di come la si voglia vedere)

Cuore

topoldo

topoldo

Specialista

@Gabriele  ha scritto:

> Pertanto, direi che l'erba sia verde a seconda del proprio livello di daltonismo (= di come la si voglia vedere)

 

Il mio confronto voleva prendere in considerazione SOLO l'aspetto "token" e il servizio di notifiche push.

Il servizio disastroso della banca n. 3 che ho citato e che si riferisce alla banca più antica del mondo, è peraltro perfetto se lo considero dal punto di vista degli sms (che fortunatamente sono tuttora gratuiti!)

Io poi privilegio, come detto sopra, anche per la mia veneranda età e per "forma mentis" l'uso del PC a quello dello smartphone e quindi - almeno fino a che non metteranno a pagamento gli sms - sono poco toccato dalla questione, ma fornire una app in cui, dopo l'ultimo aggiornamento, non funziona più il servizio di notifiche push su un telefonino di fascia medio-alta (costo 650 €) di ultima generazione con Android 10, significa che ci sono problemi di progettazione o di beta-testing...

D'altra parte basta vedere su Google Play il livello medio di valutazione (2.1) dell'app di quel famoso istituto di credito (e soprattutto la valutazione media di trend degli ultimi mesi/giorni) rispetto a quello di ING (3.9) per rendersi conto della cosa.

Inoltre se si confronta il "punteggio" dell'app di ING con quello che viene attribuito all'app di banche di recente nascita volte tutte all' "online spinto" si può verificare come queste superino ING solo marginalmente (4.0 vs 3.9 - indice controllato pochi minuti fa).

Ho criticato, critico e criticherò ING, ma riconosco anche quando, tutto sommato,  si dimostra essere non così male rispetto alla concorrenza. Questo sempre IMHO.

Topoldo

 

 

 

AnnaMaria_ING

AnnaMaria_ING

Moderatore

Ciao @topoldo,
ho letto attentamente il tuo messaggio e ti ringrazio per aver condiviso in Community la tua esperienza positiva. Il tuo messaggio ci fornisce un ulteriore stimolo a migliorare il servizio offerto e i nostri processi.

 

@Gabriele mi preme evidenziare che spesso è più facile che senta il bisogno di contattarci, sia per avere assistenza che esprimere la propria insoddisfazione, chi subisce un disservizio rispetto ai tanti clienti che ogni giorno utilizzano i nostri prodotti e ne sono soddisfatti. Sottolineo inoltre che, a differenza di molte altre banche, con Community Arancio offriamo uno spazio dedicato ad un confronto trasparente tra i nostri clienti e cerchiamo per quanto possibile di rispondere alle loro domande e di aiutarli laddove vengano segnalati casi particolari.

 

Buona serata,
AnnaMaria_ING