238548membri
150406post
annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Problema Chiusura Conto Corrente Arancio

Aggiornamento da parte mia: sempre peggio.

Ricapitolando: mando due mail, una PEO dallo stesso indirizzo con cui sono registrato per il Conto Corrente Arancio e una PEC dal mio indirizzo PEC. La PEO la mando all' indirizzo ufficio.reclami@ing.com mentre la PEC la mando a ufficioreclami@pec.ing.it. Mi rispondono dall' indirizzo ufficio.reclami@ing.com con il seguente testo, e qui viene il bello:

 

Gentile Avvocato, con la presente confermiamo la ricezione della Sua comunicazione, inviata in nome e per conto di "Cognome Nome" e qui pervenuta in data 06/01/2023. Rileviamo che la Sua comunicazione è giunta priva del mandato conferito e di copia di un documento d’identità del Suo assistito, quale elemento di prova della procura conferitaLe, che chiediamo di inviarci, quanto prima, a questo stesso indirizzo di posta elettronica.

Ricordiamo infine che il processo di gestione dei reclami si conclude nelle tempistiche, previste dalla normativa di riferimento, di seguito riportate: - 15 giorni operativi per i Reclami relativi ai Servizi di Pagamento di cui alla Direttiva 2015/2366/UE c.d. PSD2; - 60 giorni per i Reclami relativi ai Servizi Bancari e Finanziari; - 30 giorni per i Reclami su istanze relative all'esercizio dei Diritti dell'Interessato ai sensi del Regolamento GDPR; - 45 giorni per i Reclami relativi ai Servizi Assicurativi e aventi ad oggetto il comportamento della Banca; - 60 giorni per i Reclami attinenti alla prestazione dei Servizi di Investimento. Per le informazioni sulle modalità di trattazione dei reclami, potra’ consultare il relativo documento, presente nella sezione Reclami del sito internet della Banca (www.ing.it). Cogliamo l’occasione per inviare distinti saluti. Ufficio Reclami ING BANK N.V. - Milan Branch Viale Fulvio Testi, 250 – 20126 Milano E: ufficio.reclami@ing.com PEC: ufficioreclami@pec.ing.it www.ing.it

 

Ma cosa gli ha fatto pensare che a scrivere sia stato il mio avvocato (al quale non mi sono in alcun modo rivolto) e che non sia io? Tra l' altro la PEO è stata mandata dallo stesso indirizzo da sempre utilizzato come utenza del Conto Corrente Arancio!!!

 

Rispondo infastidito perchè mi sembra uan presa in giro, gli spiego che sono l' intestatario del conto e non il mio avvocato e per sicurezza mando i documenti richiesti.

Ricevo allora altre due mail: 

la prima con il seguente testo

 

Gentile Cliente,

vorremmo parlare con te, si tratta di una comunicazione importante.

Contattaci al numero 800.71.72.73 da rete fissa oppure al numero 02.999.67.89 da cellulare o dall’estero.

A presto
Servizio Clienti ING

Se hai dubbi o domande, visita la sezione "Aiuto e supporto" sul sito ing.it

Ti chiediamo di non rispondere a questa email.
Ti informiamo che per la tua sicurezza ING non inserisce all'interno delle email link alla tua Area Riservata nè ti chiederà mai di fornire i tuoi codici di accesso al sito tramite email. ING BANK N.V. Milan Branch.

 

La seconda con in allegato l' ultimo estratto conto di chiusura, l' ultimo DDS e l' ultimo file di rieoilogo delle spese del conto, l' ultima riga dell' estratto conto è una voce in uscita di 36,21€ per chiusura conto del 14/12/2022 peccato che ad oggi a due mesi dalla chiusura sul nuovo conto non ci sia l' accredito di tale somma.....e ovviamente nella mail non hanno fatto riferimento come da me richiesto sulle tempistiche di rimborso ma hanno solo risposto alla mia prima richiesta di avere l' ultimo estratto conto di chiusura......pazzesco

 

Non capisco poi la mail con la richiesta di ricontatto, perchè una banca per qualsiasi contestazione vuole tutto in forma scritta (e magari con raccomandata) mentre vuole ripsondermi al telefono? Io questo non lo accetto, voglio una risposta SCRITTA da parte della banca in modo che ci sia una traccia (data etc) e non ci siano equivoci futuri sulla riposta della banca (sarebbe molto facile per la banca in futuro dire "hai capito male tu") per questo motivo NON li richiamerò e se entro un mese non dovessi vedere il bonifico di 36,21€ farò ricorso all ABF anche se clamorosamente antieconomico per la cifra in gioco (il ricorso cota 20€ per recuperarne poco più 36) ma ora è una questione di principio, quei soldi sono MIEI e me li devono ridare, non vi sono altre discussioni....