annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Rischio di assegno in protesto - Acquisto Casa

antonioinrete

antonioinrete

Apprendista

Buona sera,

ho un conto corrente arancio e vorrei esporvi un dubbio sulle modalità di incasso e di emissione di assegni per chi è titolare di conto Arancio.

A marzo dovrò rogitare per acquistare casa, e per vendere qualche giorno prima la mia; le due operazioni saranno legate da un passaggio di denaro per un importo identico - con i soldi che incasso acquisto - passaggio che però dovrà avvenire per forza tramite assegni non trasferibili.

Un primo assegno da me subito versato nell'(unica) filiale di Milano il 12 gennaio, ha avuto come data contabile il 17/01 e come data valuta il giorno dopo, ovvero il 18/01. Il saldo contabile è stato aggiornato il 18 stesso, mentre quello disponibile è stato aggiornato solo oggi 23 gennaio.

Ora la mia domanda è questa: se io incasso una somma tramite assegno per la vendita della mia casa, posso emetterne un altro di pari importo coperto solo dal saldo contabile e non da quello disponibile, o c'è il rischio che l'assegno vada in protesto? 

Se incasso un assegno con data valuta 20 marzo, ad esempio, posso lo stesso giorno - o quello dopo - emetterne un altro che il beneficiario potrà portare all'incasso lo stesso giorno?

Non capisco se il saldo contabile, prima ancora di diventare saldo disponibile - occorrono 4 giorni - mi dia garanzia di copertura assegno e che quello che io firmo non vada in protesto.

Grazie a tutti per le informazioni

 Antonio

 

 

5 RISPOSTE 5
Massimo58

Massimo58

Guru

Caro antonioinrete la risposta alla tua domanda è molto semplice:  L'IMPORTO VERSATO

SOTTO FORMA DI ASSEGNO LO PUOI SPENDERE SOLO QUANDO E' RESO DISPONIBILE DA ING.

Se per qualsiasi motivo emetti un assegno e questo va all'incasso prima che si verifichi la

disponibilità di quello da te versato precedentemente, L'ASSEGNO EMESSO SARA' PROTESTATO.

naturalmente fatta salava la disponibilità a non protestarlo da parte di ING. Disponibilià della quale

ti sconsiglio di far conto.

Spero di essere stato chiaro e utile.

antonioinrete

antonioinrete

Apprendista

Grazie della risposta velocissima.

Quindi visto che la prima volta l'assegno ci ha messo ben 11 giorni per essere disponibile sul conto (versato nella filiale di Milano il 12 gennaio, soldi disponibili solo oggi 23 gennaio), mi consigli di aprire un altro conto corrente presso la banca che erogherà il mutuo all'acquirente della mia casa, in modo che l'assegno che mi daranno lo incasserò presumibilmente in un solo giorno presso lo stesso istituto di credito emittente l'assegno?

Ho solo 15 giorni di tempo per fare i traslochi, rogitando l'acquisto a 11 giorni di distanza dalla vendita avrei quindi pochissimo tempo per spostarmi nella nuova casa.

Cosa mi consigli?

Grazie ancora

Padrone

Padrone

Esperto

interessante quesito @antonioinrete, ciao

(aprire il conto nella banca che emette l'assegno)

la mia umile esperienza mi impone di dire una sola cosa

SI.

SI apri il conto in quella filiale visto che sei corto coi tempi.

si leggono disumani ritardi in questa comunità

ritardo 1    ritardo 2

Xciò versi il loro assegno e lo riemetti nuovamente al terzo step.

Ti chiedo di aggiornare la discussione anche dopo le transizioni,

(mi sto muovendo in quella direzione anche io Smiley Molto-felice fammi da cavia

Smiley Molto-felice  per piacere Smiley Strizza l'occhio)

Se avrai biusogno di una mano per il trasloco

(e vivi nella mia stessa provincia)

oltra alle parole posso metterci anche le mani

per dare una mano Smiley Molto-felice

Massimo58

Massimo58

Guru

Non posso che confermare l'indicazione di Padrone e dirti SI è una buona soluzione.

Ancor meglio sarebbe, che tu apra un conto corrente presso la stessa banca che

erogherà il mutuo al tuo acquirente e pattuire con questultimo il pagamento del dovuto,

non a mezzo assegno, ma con un bonifico diretto dal suo conto al tuo.

Sistema questo sicuro e velocissimo.

Visti i tempi stretti che hai procedi quanto prima nel aprire un conto corrente presso

la banca del tuo acquirente e prova a parlare con lui e con il direttore di quella banca

(un incontro a tre sarebbe perfetto) per pattuire l'esecuzione di una delle due strade

suggerite.

Se ti farà piacere, comunica poi alla comunity come sono andate le cose, così altre

persone riceveranno "utilità" come l'hai ricevuta tu.

Buona giornata.

antonioinrete

antonioinrete

Apprendista

Grazie per le risposte, sicuramente aggiornerò non appena ci saranno novità, in modo da aiutare anche chi, dopo di me, si troverà a fronteggiare la mia stessa situazione.

Quanto al discorso del trasloco, devo spostarmi da Sesto San Giovanni a San Giuliano Milanese: le cose da portare sono poche, il grosso sarà soprattutto nello sgombero della mia attuale abitazione (un bilocale piccolo) visto che l'acquirente non vuole i mobili, pur nuovi, che io nella nuova casa già ho.

A tal proposito, se avete qualche ditta da consigliare per lo sgombero, che valuti eventualmente anche mobili ed elettrodomestici usati ma funzionanti e relativamente nuovi, ogni consiglio o suggerimento - anche tramite messaggio privato - è ben accetto. Grazie.

SuperUsers del mese