Scadenza assegno circolare

Rx

Rx

Apprendista
Vorrei sapere quale è il limite per incassare un assegno circolare. L’ ho richiesto per una caparra ma è arrivato dopo 16 giorni, per cui ho usato assegno bancario. Ora vorrei usare l assegno circolare per il rogito ma ho paura che si creino problemi. Qualcuno ha avuto qualche esperienza simile? Grazie
3 RISPOSTE 3
Gabriele

Gabriele

Guru

In Rete si trova questo e non mi sembra che differisca dalla mia conoscenza in materia.

<<<

SCADENZA DELL’ASSEGNO CIRCOLARE

A chi di noi non è capitato di ricevere un assegno circolare come rimborso ad esempio di un contratto di utenza? Se il titolo è stato dimenticato in un cassetto, recatici in filiale per l’incasso ci siamo sentiti dire che non è possibile riscuotere il dovuto in quanto abbiamo atteso troppo e superato la scadenza.

Il nosto consiglio è di incassarlo entro 8 o 15 giorni dal suo ricevimento, a seconda che si viva nello stesso comune in cui esso è stato emesso o in un comune diverso; oltre questo limite l’emittente può revocare lo stesso senza che il beneficiario possa agire legalmente. In ogni caso non si deve aspettare oltre i 30 giorni in quanto a questa data decade il diritto di regresso alla girata. Ciò non vuol dire che scaduti questi termini il titolo è annullato e non valido: l’assegno circolare infatti si prescrive in tre anni dalla data di emissione. In poche parole la banca emittente resta obbligata per 3 anni.

Se poi il titolo non dovesse essere presentato all’incasso entro tre anni, finisce nel fondo dormienti dove solo chi ne ha chiesto l’emissione può andare a recuperare la somma fino alla prescrizione di 10 anni.

Il punto centrale per il beneficiario però non è la validità del titolo ma la possibilità di incasso alla sua presentazione. Per questo i termini del diritto di revoca, 8-15 giorni, sono ben più importanti di quelli della validità, 3 anni.

>>>

 

Provo a dare la buona domenica @gab16, che è del mestiere, se potesse illuminarci meglio Smiley Felice

gab16

gab16

Guru

Carissimo AMICO mio @Gabriele, quanto da te riportato con l'articolo citato, corrisponde -in linea di massima- alla realtà, anche se un pò confusionario, per cui provo a semplificare e sintetizzare:

-un AC va incassato entro 8/15gg dalla data emissione, a seconda se il beneficiario trovasi nella stessa località della Banca emittente o meno.

-dopo ciò, l'unico inconveniente è che trascorsi tali termini, NON ci si può più appellare, nel caso di "mancanza di regolarità" del Titolo da parte del beneficiario, con conseguente mancanza di possibilità di procedere all'incasso, neppure per vie Legali.

-un AC è sempre PRESCRITTO dopo 3 anni dall'emissione (riguarda il Beneficiario principalmente)).

-un AC può essere RIMBORSATO ma solo al richiedente che non lo abbia utilizzato nel termine di anni 10.

-un AC potrebbe anche essere stato REVOCATO -nel frattempo di quanto sopra-, ma in tal caso, pur restando cambiabile, va prima richiesta una autorizzazione alla Banca emittente.

Queste le pricipali casistiche.

Grazie per la richiesta di partecipazione ed uno speciale saluto a te ed una Buona Domenica a te  come  a tutta la Community.  

MB100

MB100

Apprendista

Buonasera, vedo che sei competente... sai mica se per attivare la CONSAP, in caso appunto di assegni circolari - superiori a tre anni ma non a dieci - sia necessaria l'"attestazione di devoluzione" da parte della banca? ING continua a dire che non serve e non me la fa, mentre sul sito CONSAP sembrerebbe proprio indispensabile... Grazie!