annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Regime fiscale fondi Dichiarativo

Alex78

Alex78

Apprendista

Buongiorno,

ho realizzato plusvalenze con la vendita di alcune quote di mattone arancio acquistate prima del 2014, dunque la ritenuta fiscale applicata è stata del 20% e non del 26%. Poichè ho scelto il regime fiscale fondi Dichiarativo, a quali ulteriori adempimenti fiscali devo provvedere nel 730? 

4 RISPOSTE 4
Gabriele

Gabriele

Guru

Ciao @Alex78,

Il regime dichiarativo, è il regime fiscale, in cui l’investitore calcola il proprio eventuale capital gain annuale per poi pagarne le imposte con il vantaggio è evidente che inserendolo nella dichiarazione dei redditi, le imposte andrebbero pagate con alcuni mesi di ritardo e quindi resterebbe nelle nostre tasche più a lungo potendolo nel frattempo reinvestire.

 

Occorre quindi dividere i redditi in:

> redditi di capitale (interessi, dividendi ecc) che sono tassati allo stesso modo sia nel regime dichiarativo, sia nel regime del risparmio amministrato,

> redditi diversi di natura finanziaria (differenza tra prezzo di acquisto e vendita).

E’ proprio per quest'ultimo tipo di guadagni che l’investitore è costretto a scegliere il regime al momento dell’apertura del conto.

 

Nel momento in cui l’investitore sceglie questo regime s’impegna a di calcolare e indicare lui stesso nella dichiarazione dei redditi quanto versare allo Stato come imposta sul capital gain complessivo.

In pratica l’investitore deve registrare accuratamente guadagni e perdite, tirarne le somme ed applicare la tassazione (ad oggi del 26%).

Ovviamente, nel regime dichiarativo se ci si ritrova con una minusvalenza, la si può compensare con plusvalenze derivanti dalla chiusura di un rapporto amministrato o gestito, oppure la si accantona per dedurla dalle plusvalenze realizzate nei quattro anni successivi.

 

Essendo la tassazione pro tempore (ovvero "per cassa"), dovrai applicare la tassazione in vigore all'atto della realizzazione della plusvalenza.

 
Alex78

Alex78

Apprendista

Ciao Gabriele, grazie per la risposta, concordo pienamente ma ho da sottoporti una domanda imbarazzante, la differenza tra prezzo di acquisto e vendita mi è stata già tassata al momento delle vendita e viene definita reddito di capitale, cosa intendi con redditi diversi di natura finanziaria?

Gabriele

Gabriele

Guru

Di nuovo ciao, @Alex78.

Qui sulla Community siamo al 999/1000 tutti Clienti, quindi l'unico imbarazzo deve essere nell'oggettivo comportamento sbagliato, situazione di cui sono stato vittima nel fine settimana...

 

La normativa fiscale italiana ha, per complessità e peculiarità pochi eguali e spesso anche gli addetti del settore non sono costantemente aggiornati.

Per la definizione di "redditi di natura finanziaria" ti rimando a questo collegamento

 

Per quanto attine alla specifica contingenza del tuo quesito, essendo la tassazione "per cassa" cioè attuata al momento del realizzarsi della plusvalenza, NON credo che tu abbia ulteriori adempimenti da espletare.

 

Per quanto scritto nei primi due alinea del presente commento, ti invito a non prendere come dogma quanto da me riferito e, se del caso, interessare qualcuno dello specifico settore per avere un più autorevole parere.

Senza scomodare le +/- ambigue figure professionali, io talvolta invio PEC alla Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate, ricevendo puntuale e risolutiva risposta.

Alex78

Alex78

Apprendista

Grazie,

penso sia proprio come dici tu...altrimenti il capital gain sarebbe tassato 2 volte, la differenza tra i due regimi per le persone fisiche sta solo nella possibilità con quello dichiarativo di compensare eventuali minusvalenze negli ultimi 4 anni. 

 

Tutorial

Sondaggi

Quale argomento ti piacerebbe per la prossima guida?