236785membri
147593post
annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Accesso area clienti

Ho mantenuto l'accesso cliente tramite sms, grazie alla possibilità offerta da ING (peccato  i 50 cent)  di cui sono veramente contento. Ma ciò non toglie il fatto che  non si identifica il cliente ma il telefono con tutti i problemi legati a smarrimento/furto/malfunzionamento dello stesso. Una possibile soluzione sarebbe la possibilità di associare al cliente anche  un numero alternativo che se necessario puo essere selezionato al momento dell'accesso.

PS Non sono riuscito a inserire l'idea in LAB Arancio 

11 RISPOSTE 11

@Emilio55 perchè il Lab è da tempo chiuso. In effetti sarebbe quello il posto giusto della tua proposta.

@Emilio55 

a margine delle specifiche su dove inserire le proposte per ING, mi sfugge il senso della tua ipotetica innovazione.

 

Forse non ho capito io... non te ne avere a male....

 

Però, il Cliente viene identificato con "codice cliente" + "pin" oltre all'SMS/OTP inviato per accedere all'area riservata.

Salvo che qualche Sistema Operativo dei vostri tanto amati cellulari evoluti memorizzi tali dati (i browser, tra i principali, che uso da pc non lo fanno), ignoro come la ricezione dell'OTP possa essere avulsa da una richiesta d'accesso effettuata dal legittimo detentore dei codici ovvero utilizzata fraudolentemente.

 

Il problema non è di sicurezza di accesso, ma la non possibilità di accedere al tuo conto perchè perdi o ti rubano il tuo telefono.

@Emilio55 

in quel caso, come più volte scritto in 5 anni di Community, vi è una specifica quanto anacronistica procedura cartacea per comunicare ad ING il nuovo numero di telefono.

 

Senza contare che, in tali situazioni, le Compagnie telefoniche che io conosca (quelle "storiche") prevedano l'emissione di una nuova SIM con lo stesso numero di quella rubata/smarrita/distrutta, ecc...

@Gabriele  ha scritto:

@Emilio55 

a margine delle specifiche su dove inserire le proposte per ING, mi sfugge il senso della tua ipotetica innovazione.

 

Forse non ho capito io... non te ne avere a male....

 

Però, il Cliente viene identificato con "codice cliente" + "pin" oltre all'SMS/OTP inviato per accedere all'area riservata.

Salvo che qualche Sistema Operativo dei vostri tanto amati cellulari evoluti memorizzi tali dati (i browser, tra i principali, che uso da pc non lo fanno), ignoro come la ricezione dell'OTP possa essere avulsa da una richiesta d'accesso effettuata dal legittimo detentore dei codici ovvero utilizzata fraudolentemente.

-----

 

In attesa di interpretazione autentica [che c'è stata] da parte dell'autore del primo post, non mi sembra che un "sistema alternativo" di accesso mediante codice supplementare e/o di emergenza comporti necessariamente l'utilizzo di un'app sugli ormai "vetusti" smartphone Smiley Strizza l'occhio

 

A dire il vero e personalmente l'idea mi piace molto e una delle sue implementazioni potrebbe essere: per il sistema SMS/OTP un certo numero di OTP di riserva (che potrebbero essere utilizzati anche in caso di assenza di campo) oppure nell'altro sistema (dei cellulari evoluti) un certo numero di codici Token da utilizzare alla bisogna... nel periodo transitorio tra la perdita e il riacquisto di un nuovo smartphone.

 

Ovviamente il tutto dopo riapertura LAB, inserimento proposta,  votazione, valutazione positiva della fattibilità... 

Insomma... ci siamo capiti! Smiley frustrato

 

 

Non infiliamoci nella burocrazia. L'accesso al conto alcune volte è urgente 

@Emilio55  ha scritto:

(...) L'accesso al conto alcune volte è urgente 

 

*****

Indubbiamente.

Per questo che io, con ING (5ª di 5 banche di cui sia cliente), abbia preferito accedere all'area riservata ed operarvi da pc con l'SMS/OTP su di una SIM (inserita in un gsm) che pure lavata col bucato sia ancora funzionante...

Ed è proprio per questo che non sopporto questa nuova "modalità sicura" o "moda" che prevede di identificare una persona identificando un telefono, modalità che è ormai dilagata intutte le banche e anche nella amministrazione pubblica con il famoso  SPID.  Da qualche parte ho letto che è una direttiva europea...ma forse sarebbe meglio trovare qualcosa di più intelligente

@Emilio55  ha scritto:

Ed è proprio per questo che non sopporto questa nuova "modalità sicura" o "moda" che prevede di identificare una persona identificando un telefono, modalità che è ormai dilagata intutte le banche e anche nella amministrazione pubblica con il famoso  SPID.  Da qualche parte ho letto che è una direttiva europea...ma forse sarebbe meglio trovare qualcosa di più intelligente

---

 

Caro Emilio,

dissentire è (per fortuna) ancora consentito, ma ormai penso proprio che il dado sia... tratto: lo smartphone con le sue app è ormai da considerarsi la "chiave di accesso universale" a qualunque tipologia di cosa o servizio: noleggio mezzi di spostamento condivisi, colonnine di ricarica, servizi on-line sia delle banche che delle pubbliche amministrazioni; accesso alla propria autovettura o a quella degli altri, accesso alla propria abitazione o a quella di altri, check-in,... e via "propagando".

Se questa cosa sia o meno intelligente (Smart) non so dirti visto che comunque il tutto deriva dall'utilizzo di uno "smart-phone" Smiley Strizza l'occhio, ma concordo al 100% con te sul fatto che è STUPIDO possedere un'unica chiave di accesso (anche se universale).