annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Mancato adempimento ad una richiesta di blocco erogazione per frode

Highlighted
ninodapalermo

ninodapalermo

Apprendista
nonostante io abbia immediatamente chiesto ad ingdirect di bloccare immediatamente la transazione nei confronti di un soggetto che si è spacciato per la società Aruba, dopo mesi di vana attesa la banca mi ha risposto che per loro l'operazione è da ritenere regolare. Risultato perse più di 160 euro. Non avrei mai creduto di potere ricevere un simile trattamento da una banca alla quale da sempre ho affidato i miei risparmi. Devo dunque rivalutare negativamente la sua affidabilità. Posso sapere se questo comportamento sia stato adottato anche in altri casi?
3 RISPOSTE 3
Highlighted
MIRKOSARA

MIRKOSARA

Guru
Buongiorno @ninodapalermo, ovviamente, da clienti come te, non abbiamo accesso alle motivazioni che hanno indotto la banca a non riconoscere l'operazione come truffaldina. Se non sei comunque soddisfatto della risposta (e si capisce che non lo sei) presenta un reclamo all'istituto: in caso di mancata risposta o di risposta negativa, dopo 30 gg, puoi rivolgerti all'abf (arbitro bancario finanziario) per vedere riconosciute le tue ragioni (dettagli potrai ricercarli in precedenti post in community o direttamente sul sito dell'abf
Highlighted
ninodapalermo

ninodapalermo

Apprendista
ho già fatto ricorso all'arbitro bancario finanziario ma mi sono accorto che occorrono anni per la sua definizione. Sono veramente deluso per come sono stato trattato. Ho inviato ogni possibile informazione o documento e dei soggetti che mi hanno truffato fingendosi società aruba, (in realtà si trattava di una organizzazione denominata Monisnap) il web è tempestato di denunce di truffa identica a quella mia. Deduco che ingdirect a discapito dei propri clienti privilegia i lestofanti. Ho deciso dopo tanti anni di abbandonare questa banca che non mi tutela.
Highlighted
MIRKOSARA

MIRKOSARA

Guru

@ninodapalermo , Secondo quanto indicato dalla direttiva ADR e dal relativo decreto di recepimento e tenendo conto anche di quanto previsto dal Tavolo di coordinamento e indirizzo
istituito presso il Ministero dello Sviluppo economico, la durata della procedura arbitrale – anche in considerazione della complessità del contenzioso – può essere al massimo di
270 giorni.