annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Versamento assegno circolare cointestato

RISOLTO
Highlighted
Baronmax1971

Baronmax1971

Apprendista
Buongiorno a Tutti.
Debbo versare alla cassa automatica di un’agenzia ING un assegno circolare cointestato a me e mia moglie. Anche il nostro conto corrente Arancio su cui versiamo è cointestato. Dobbiamo firmare entrambi la “girata” sul retro? Grazie
1 SOLUZIONE ACCETTATA

Soluzioni accettate
Highlighted
MIRKOSARA

MIRKOSARA

Guru
Soluzione
Ciao @Gabriele, spero che tu non abbia dovuto lavorare anche oggi! 😄. Quanto all'assegno: a mio pare ciascuno dei cointestatari può versare il titolo ma la banca corrispondente, per accreditare l'importo, ha bisogno della girata di entrambi i beneficiari, che avrà valore di quietanza. I giratari devono necessariamente corrispondere dunque ai beneficiari del titolo. Pensa solo se uno solo dei beneficiari si presentasse allo sportello della banca trattaria: il cassiere non potrebbe certamente pagare l'assegno. Buon inizio settimana (- 15 giorni alle ferie)

Visualizza soluzione nel messaggio originale

15 RISPOSTE 15
Highlighted
Gabriele

Gabriele

Guru

Buongiorno a te.

Ogni CCA cointestato è a firme disgiunte, quindi ogni Titolare può operarvi distintamente ed autonomamente dall'altro (infatti avete due differenti codici clienti).

Highlighted
MIRKOSARA

MIRKOSARA

Guru
Buongiorno, @Gabriele temo di dover dissentire: se l'assegno è cointestato al mio parere deve essere girato da entrambi. Poi uno dei due versa. Fa fede il titolo non la contestazione. Buon fine settimana a te e a @Baronmax1971
Highlighted
Gabriele

Gabriele

Guru

Boh, @MIRKOSARA la logica ti darebbe ragione, questo articolo non so (mi riferisco al 5° ">"):

Conti correnti cointestati: le 10 cose da sapere:

> Per aprire un conto corrente cointestato è necessario che i titolari del conto depositino in banca la loro firma originale.

> È possibile cointestare un conto corrente già esistente attraverso il deposito della firma del nuovo co-titolare.

> I conti correnti cointestati si suddividono in due tipologie: a firma congiunta e a firma disgiunta.

> Se la firma è congiunta tutte le operazioni e movimentazioni richiedono la presenza e la firma di tutti i cointestatari.  Questa formula è consigliata nel caso in cui i co-titolari del conto siano soci in affari in quanto la controfirma consente di avviare un sistema di controllo su tutte le operazioni.

> Se la firma è DISGIUNTA, ogni cointestatario può effettuare autonomamente qualsiasi  operazione senza l’avvallo degli altri co-titolari.

> Uno dei vantaggi del conto corrente cointestato, specialmente se i co-titolari appartengono allo stesso nucleo familiare, è dato dal risparmio sui costi di gestione e sulle spese che restano pari a quelli di un conto corrente unico, senza ulteriori aggravi.

> Se i co-titolari sono soci in affari, il conto corrente cointestato può semplificare e facilitare la gestione della contabilità.

> Se i cointestatari sono due coniugi, in caso di separazione, il conto viene chiuso oppure quanto depositato viene conferito a uno dei due. Generalmente l’ammontare viene diviso in due parti uguali, salvo che uno dei due non dimostri di avere contribuito al saldo in maggior misura.

> Si presuppone che la proprietà del deposito sia suddivisa in quote uguali tra i cointestatari, a meno che, in caso di contenziosi, non si dimostri che uno di essi abbia contribuito al saldo in maniera prevalente.

> Possono insorgere problemi se il conto viene pignorato a causa di un mancato pagamento da parte di uno dei contestatari (ad esempio il mancato pagamento di un bollo auto). Tuttavia una sentenza del 2016 della Corte d’Appello di Roma ha stabilito che può essere pignorata solo la quota di proprietà del cointestatario esecutato.

Highlighted
MIRKOSARA

MIRKOSARA

Guru
Soluzione
Ciao @Gabriele, spero che tu non abbia dovuto lavorare anche oggi! 😄. Quanto all'assegno: a mio pare ciascuno dei cointestatari può versare il titolo ma la banca corrispondente, per accreditare l'importo, ha bisogno della girata di entrambi i beneficiari, che avrà valore di quietanza. I giratari devono necessariamente corrispondere dunque ai beneficiari del titolo. Pensa solo se uno solo dei beneficiari si presentasse allo sportello della banca trattaria: il cassiere non potrebbe certamente pagare l'assegno. Buon inizio settimana (- 15 giorni alle ferie)

Visualizza soluzione nel messaggio originale

Highlighted
Gabriele

Gabriele

Guru

Nono... lavorato anche oggi.... poi dai simpatici ospiti cartaginesi.

 

In merito al topic... giochiamo il bonus @gab16 ?

Buona domenica

Cuore

Highlighted
MIRKOSARA

MIRKOSARA

Guru
Ci sto. Buona serata a te e a @gab16
Highlighted
MIRKOSARA

MIRKOSARA

Guru
Mi spiace per il super lavoro
Highlighted
gab16

gab16

Guru

Carissimi AMICO @Gabriele  et altrettanto @MIRKOSARA  mi avvedo solo ora dei vostri post (notifica sul telefono), e grazie per avermi chiesto di intervenire sulla questio.

In ogni caso, la domanda in partenza, da parte del possessore del titolo, NON andava proprio posta.

Anche se vogliamo considerare che 'nessuno nasce imparato', (in specie nel 'bancheggio') ma a naso, da parte di un utente di un CC, ci si aspetta che dovrebbe sembrargli ovvio che se ha in mano un titolo di credito rilasciatogli con una cointestazione come beneficiari (fosse anche un assegno di CC e non un AC come nel caso specifico) ed intenda riscuoterlo, dovrebbe  immediatamente pensare che necesse la firma di girata/quietanza di ciascuno dei suindicati beneficiari, pena la non incassabilità.

Colgo l'occasione per mandare un sentito 'in bocca al lupo' a Gabriele in lotta coi continui invasori in quel di Cartagine, ed a tutti un buon inizio di settimana prox.

A presto.

 

 

Highlighted
Gabriele

Gabriele

Guru

Grazie mille @gab16.

Ho imparato qualcosa in più sul "disgiunte" Smiley Felice

Torno in trincea...