239032membri
151424post
annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

AUMETO RATA MUTUO

RISOLTO

Fammi sapere, anche io lo stesso problema, solo che a me il consulente me lo ha consigliato 2 mesi fa ed io come un scemo ci sono abboccato. Ho chiamato ma mi hanno detto che non è possibile fare niente tranne che la surroga, solo che dopo 2 mesi la surroga non la accetta quasi nessuno

Ciao @fcaponnetto,

nella storia Communitaria si legge che ING non sia stata mai propensa a rinegoziare e si alludeva al passaggio inverso, ovvero dal Fisso al Variabile, nell'epoca in cui i tassi scesero vertiginosamente ben oltre lo zero.

Sporadicamente qualcuno ci è riuscito, ma allora ING rischiava di perdere forse Cliente e di sicuro gli interessi (non il capitale) se il Mutuato avesse surrogato.

Ora è il contrario, con tutte le Banche che stanno ritoccando al rialzo i tassi.

 

Secondo i parametri di alcune Banche non potresti nemmeno surrogare prima di un anno: tu hai un mutuo non giovane, ma "in fasce" direi!

E, di norma, nell'ammortamento da 15 anni in su, il Variabile è sempre stato più economico (ne ho avuti già tre di cui uno in corso e posso confermare)

Fermo restando il problema reale di far quadrare ora il bilancio familiare...

 

E' a discrezione delle banche in quanto la norma non da delle tempistiche. TI farò sapere, qualche banca mi ha detto che si puo provare... 

Ing non rinegozzia, questo hanno risposto a me. E siccome circa quattro anni fa mi hanno diminuito lo spread di 0,50 calcolando che ora è comunque alto il mio al 2,15, non possono ritoccare neanche quello. Quindi per loro aver sempre pagato per 8 anni assiduamente e averne ancora 15  non gli importa, bisogna andare via a questo punto perché avremo un variabile al pari di un fisso, quando aggiungeranno l'ulteriore 0,75 e dato che i tassi continueranno a salire sarà insostenibile

@ANGRI  ha scritto:

Ing non rinegozzia, (...)

 

*****

Fu detto esserci qualche demone insito nella parola "rinegoziazione" (e derivati).

A questo punto, sembra vero...

Intervengo ancora una volta in questa discussione per precisare alcune cose:

- credo sia palese, come ammesso da una delle interlocutrici, che la sottoscrizione di un contratto a tasso variabile, non frutto di coercizione, comportasse dei rischi rispetto al fisso; non per altro il differenziale tra i due tassi era notevole

- è chiaro che le rinegoziazioni dei tassi vengono effettuate in periodi in cui i tassi scendono e non salgono ed avvengono affinchè il cliente, approfittando della possibilità di surrogare non cambi banca

- nel momento in cui i tassi salgono e tutti gli istituti si adeguano la surroga perde convenienza: il cliente infatti troverà tassi altrettanto alti presso qualunque istituto e non troverà un tornaconto ad effettuare la surroga

- Ing dunque non ha alcun interesse economico a rinegoziare il tasso e quasi sicuramente rifiuterà le istanze: la banca è infatti una società che persegue un fine lucrativo e non assistenziale; peraltro, a sua volta paga il denaro a condizioni peggiorative rispetto al passato

Pur comprendendo le difficoltà del momento insisto comunque nella necessità di valutare, prima della sottoscrizione di qualunque contratto, la convenienza economica di ciascuna offerta avendo piena consapevolezza che tendenzialmente non si potrà cambiare idea successivamente.

A tutti una buona serata e un in bocca al lupo

Attualmente il mio mutuo con ing si aggira intorno a 690 euro a 740 ho un fisso in altro istituto, calcolando si prevedono rialzi di tasso ad ottobre e a dicembre ed inoltre a settembre l aumento dello 0,75 non mi è ancora stato applicato, quindi a questo punto preferisco prendere un fisso a 750 euro, perché nei prossimi mesi rischio di pagarne molto più.
Poi se ing non rinegozia preferisce perdere un cliente con altri 15 anni di mutuo da affrontare

Buongiorno @ANGRI , probabilmente nella tua situazione surrogherei anche io.

Per il resto ribadisco: allo stato attuale la banca non ha una convenienza economica a rinegoziare. I tassi attuali sono alti presso qualunque istituto e hai constatato personalmente che la surroga, sebbene ti metta al riparo da possibili aumenti futuri, determina una rata maggiore di quella che versi attualmente.

Il problema è che nel momento in cui hai stipulato il mutuo hai preferito "l'uovo oggi piuttosto che la gallina domani" ovvero hai beneficiato di un tasso notevolmente più basso del fisso ma hai accettato consapevomente il rischio di variazione nel tempo. Non credo dunque ci sia da parte della banca un atteggiamento vessatorio ma semplicemente la richiesta di attenersi a quanto stipulato all'epoca.

E'  ovviamente un tuo diritto cambiare banca ma anche se tu fossi stata cliente di altro istituto ti saresti trovata nella stessa identica situazione: tendenzialmente i tassi si negoziano quando scendono e non quando salgono

Salve a tutti , sono nella stessa vostra situazione, ad oggi sono in attesa di risposta da ING per rinegoziare il mio variabile che da luglio alla prossima rata sarà quasi 200 euro in più.... Ho sotto mano un offerta di surruga con il variabile con Cap a 3,60, ma ING non risponde da 2 settimane, il fisso per il capitale che ho è improponibile..... Con il Cap metterei in freno ai rialzi...che ne pensate?

io ho iniziato il mio processo di surroga a marzo di quest'anno, quando finalmente ho raggiunto il traguardo del 20% del capitale saldato e l'80% ancora residuo.

ho dovuto surrogare pechè avevo chiesto ad ing il tasso fisso ma mi proponevano un tasso di 2,80 mentre la media delle altre banche era di 1,90-2,10.

e da notare che avevo ancora 25 anni di mutuo davanti, e ne ho pagati 10.

 

questo per dire che ing non ha interesse a  tenere i clienti, di certo non in questo momento quando ha la possibilità di guadagnare di più e magari tamponare le sanzioni che aveva ricevuto..

D'altra parte però anche le altre banche hanno pian piano alzato tutti i tassi, sia fissi che variabili. Io fortunatamente ho bloccato il tasso del preventivo con altro istituto a marzo a 1,91 e ho surrogato a settembre, dopo mille mila documenti richiesti dal nuovo istituto, ma avendo potuto bloccare il tasso del preventivo. ( e qui ringrazio strisciando i banchieri della nuova banca che hanno capito la mia situazione particolare e mi hanno alla fine aiutata).

 

mi spiace per chi si è trovato i tassi alzati ma lo si sapeva da tempo, era stato anticipato e detto anche ai telegiornali,( se avessi potuto sarei passata a tasso fisso quando questo era sotto l'1%, ma non ne avevo ancora i requisiti) . gia da inizio 2022 i tassi hanno avuto rialzi.  Purtroppo per chi ha stipulato a luglio non penso ci sia soluzione ( ma non avevate sentito che la banca centrale aveva fatto alzare i tassi a giugno e che ci sarebbe stato un altro scatto a settembre con probabilità di ulteriori aumenti?? ) , se non quella di stringere i denti almeno un anno e poi valutare cosa fare, se surrogare verso altra banca o se nel frattempo i tassi si calmano..cosa che dubito assai

 

un bel pasticcio per le famiglie, che di certo non ci voleva vista anche la prospettiva delle bollette stratosferiche.