239699membri
152291post
annulla
Visualizzazione dei risultati per 
Cerca invece 
Intendevi dire: 

Disconoscimento transazione rifiutato

Buongiorno,

un paio di settimane fa è stata eseguita sulla mia carta una operazione fraudolenta dell'importo di 686 euro per un acquisto sul sito Gigsberg. Ho bloccato subito la carta appena ricevuto il messaggio di addebito, convinto d'aver risolto perchè l'operaziond doveva essere ancora contabilizzata. Purtroppo la banca mi ha addebitato la cifra costringendomi a chiedere il rimborso seguendo tutta la procedura (invio moulo con allegata la denuncia ai Carabinieri). 
Oggi ricevo tramite mail l'esito della contestatazione senza possibilità di replica. Ing scrive: " abbiamo riscontrato delle criticità nella custodia delle tue credenziali utilizzate per l’autorizzazione delle operazioni dispositive".... quindi secondo loro è colpa mia.

Ora dovrò rivolgermi al conciliatore bancario sperando non vada a finire male.

Qualcuno ha avuto esperienze simili? Cosa fareste voi?

A me viene d'istinto cambiare banca. 

11 RISPOSTE 11

@simone in ordine sparso : 

- se scrivessi un post come il tuo scriverei di che carta sto parlando essendocene di tre tipi diversi

- non mi metterei nella situazione che qualcuno possa truffarmi 

- spiegherei cosa è successo bene e non 'saltando il fatto in se ' anche perché se no quanto scritto da ING fai venire in mente che possa essere vero ( si è sempre molto comprensivi con noi stessi )

- mi rivolgerei all'arbitrato se pensassi che la mia condotta è stata scevra da errori

- si ci son state altre situazioni come la tua e molte non sono andate a buon fine perché in diversi casi chi ha giudicato ha ritenuto che facesse ormai parte della diffusa e consolidata cultura di gestione delle carte comportarsi con un minimo di avvedutezza . 

@simone 

da come scrivi hai subito una clonazione della tua Carta (qualunque essa sia) con l'effettuazione a tua insaputa di un acquisto su di un sito che non richiede la procedura di conferma via sms/token e psw.

Capita.

Successe anche a me e, diversamente da te, mi fu riconosciuto il riaccredito (tutto accaduto nel corso dello stesso mese), perdendendoci "solo" qualche decina di centesimi per via del cambio differente tra il giorno della frode e quello del rimborso e 16 gg senza la Credito (nel frattempo emessa e giuntami a casa)

 

Il rifiuto di ING di riconoscere il tuo disconoscimento dell'operazione potrebbe dar adito all'ipotesi di una tua omissione (di custodia dei dati, di maggiori info nel post).

Se così fosse, cambiare banca non servirebbe...

 

@reflex Dunque,  in ordine:

- La carta di credito è la Mastercard Ing, non ne conosco altre. Purchè non alludi a quella di debito o la prepagata. ma in tal caso l'avrei scritto.
- Uso la carta di credito da 30 anni e non ho mai avuto problemi perchè sono sempre stato attento.

- Non c'e' molto da aggiungere a quanto scritto sopra. Il 22 Ottobre sera tardi ricevo il messaggio di addebito e tempestivamente telefono per bloccare la carta. 

- Come posso dimostrare di non aver fatto errori? Per quanto mi riguarda posso solo dimostrare d'essere stato tempestivo nel bloccare la carta. Ma non posso dimostrare che l'operazione non è stata eseguita da me. Mentre la banca può dimostrare che l'operazione è stata fatta a mio nome

- quindi è una gara persa in partenza

@simone 

grazie dell'aggiornamento.

Non ti resta che tentare l'arbitrato: 600 euro contro (mi pare) 20 per attivarlo, potrebbe valere la pena.

Buongiorno @simone , ovviamente non mi addentro sul caso specifico in quanto, per valutare, occorrerebbe avere documentazione dell'accaduto.

Tieni comunque presente che, secondo la normativa vigente, non sei tu a dover dimostrare di esserti comportato con normale diligenza (requisito essenziale  per non essere in qualche modo ritenuto responsabile dell'accaduto) ma è la banca che spiegherà, se ne sarà in grado, quali sono le pecche nel comportamento da te adottato (ripeto deve dimostrare obiettive responsabilità).

Potresti pertanto provare a presentare ricorso (costo materiale 20€) e vedere, come in una partita a poker, cosa ha "in mano" l'istituto.

Ovviamente il mio consiglio, ove dovessi decidere come detto, è quello di rivolgerti ad un Professionista del settore che possa adeguatamente seguirti.

Facci sapere, se lo vorrai, come va a finire

Grazie @MIRKOSARA  e @Gabriele  Tenterò la via del ricorso. 

 

@simone è vero che l'arbitrato costa 20 eu ma se non ti fai assistere da un professionista non vai da nessuna parte e se la cosa non ha esito positivo il costo del professionista rimane a tuo carico andandosi ad aggiungere ai costi già sopportati. 

No , non mi ringraziare , sono a posto così. 

 

ps : che la carta fosse di credito lo hai scritto solo dopo.

Forse un problema potrebbe proprio essere che usi la carta da 30 anni ...ovvero il pensare che certi accorgimenti che andavano bene agli esordi delle plastiche ( senza smartpghone e internet ) possono andare ancora bene oggi . Non si tratta più di non perdere di vista la carta e saperla nel portafogli. Oggi le insidie sono più articolate e complesse ed è più difficile essere sempre vigili . 

@REXLEX  Sì hai ragione, rileggendo il messaggio mi sono accorto della mancanza.

Per professionisti intendi avvocati? Con una cifra sotto i 700 euro forse non conviene o comunque visto che la garanzia di esito positivo nessuno me la garantisce (giustamente), non voglio rischiare di raddoppiare la perdita.

E' vero le carte di credito in 30 anni sono cambiate ma in quanto a sicurezza non sono migliorate, visto che le possibilità di truffare i clienti continuano a proliferare.

@simone,

ok, facci sapere come andrà a finire Smiley Strizza l'occhio

Ovviamente, tifo per te!

 

In merito all'affidarsi ad un Professionista del settore (Avvocato, Commercialista od altro), fermo restando il libero pensiero altrui e l'arbitrio tuo, per quel che ho avuto modo di vedere in una Vita in ambito di Legge, chi si affidi liberamente ad una delle predette Figure rientra in uno di questi tre casi: incompetenza tecnica; svogliatezza personale; coscienza sporca.

Due su tre sono a tuo Sfavore, mentre relativamente al primo caso, se pensi di avere oggettive ragioni, potresti provare anche in autonomia rappresentando quanto qui finora scritto: se a 686 euro persi ce ne sommi 20 è una cosa, se ne dovessi aggiungere 3/500 è un'altra...

L'obolo azzurro (20 euro) ti verrebbe restituito da ING in caso di vittoria, che, come detto, ti auguro.